ayala.jpg

La Maison viene fondata nel 1860 da Edmond De Ayala, il quale arriva dalla sua natale Colombia in piena Champagne, più esattamente ad Aÿ, presso lo Château che riporta lo stesso nome. Dopo il disastro della filossera che vede il vigneto champenois passare da 60.000 ettari nel 19° secolo, a 12.000 ettari nel 1919, e la catastrofica vendemmia del 1910, i vignaioli piombano in una schiacciante miseria. Si susseguono così una serie di saccheggiamenti e di incendi. La Maison viene totalmente distrutta e successivamente ricostruita da un noto architetto, riprendendo così un aspetto spettacolare nel 1913. Nel 1934, la Maison Ayala viene venduta alla Banca britannica Guinness. L’ 8 novembre 1937 René Chayoux riprende la Maison. Viene eletto Presidente dell’Unions des Grandes Maisons de Champagne dal 1942 al 1956, e co-Presidente contemporaneamente del Comité Interprofessionnel du vin de Champagne (CIVC) fondato nel 1941. La fiducia e la stima che René Chayoux portava a Jean-Michel Ducellier, suo collaboratore dal 1948, lo portarono a decidere di designarlo suo successore a capo dei suoi affari e del suo patrimonio. Maison Ayala, a carattere familiare, è una delle rare Maison di Champagne indipendente. Nel 1969, alla morte di René Chayoux, Jean-Michel Ducellier assiste la vedova per 10 anni, dopodiché prenderà da solo la direzione della Maison. Negli anni ’80 la Maison fa circolare un milione di bottiglie, la cui metà per l’esportazione in Gran Bretagna, Germania, Italia, Belgio, Svizzera, Spagna, Stati Uniti e Messico. Il 31 Gennaio 2005, la Società Familiare Jacques Bollinger, conquistata dalla qualità dei suoi vini, acquisisce la Maison Ayala. Il Gruppo Bollinger vuole rendere alla Maison Ayala la posizione di prestigio che un tempo occupava. Hervé Augustin, “champenois” di razza, passato dalle Maison Laurent-Perrier, Castellane e Bollinger, ne assicura oggi la direzione. Da 25 anni, la qualità dei vini Ayala è l’ossessione costante di Nicolas Klym, lo Chef de Cave. Situata ad Aÿ, nel cuore della Champagne, Ayala è rimasta un piccolo gioiello. Con un vigneto di oltre 80 ettari, Ayala è una delle rare Maison in Champagne a coprire il proprio fabbisogno attraverso l’utilizzo di uve provenienti unicamente dai propri vigneti, ciò che garantisce la qualità, la regolarità e la tipicità. La sua produzione molto limitata e la passione dei suoi uomini, garantiscono una qualità unica. 


Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti anche con finalità’ commerciali.
Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai l’utilizzo dei cookie.
Le impostazioni dei cookie possono essere modificate in qualsiasi momento utilizzando il link Privacy presente nel sito, dal quale è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie.

accetto